Acqua treadmill

Presentazione

Il corso prende in considerazione la possibilità di formare all’utilizzo del tapis-roulant acquatico, attrezzo che molte piscine stanno recentemente avendo in dotazione. L’esperienza e la pratica che i nostri Trainer, guidati da Paola Gerali, hanno acquisito nel corso degli anni, consente loro di approcciarsi in modo completo ed esaustivo a qualsiasi nuovo prodotto sul mercato: perciò gli istruttori partecipanti potranno trovare delle risposte chiare e precise alle loro esigenze e la possibilità di applicare varie metodologie didattiche a questo nuovo attrezzo.

Obiettivi

Il corso di Acqua Treadmill si propone non solo di far conoscere questo attrezzo che, seppur relativamente nuovo, è sul mercato già da qualche anno, ma soprattutto di fornire una serie di tecniche e basi didattiche su cui fondare la strutturazione di una lezione. Infatti molti istruttori si trovano inizialmente spaesati di fronte a questo attrezzo perché il suo utilizzo acquatico è profondamente differente e molto più articolato rispetto a quello terrestre. Avere dunque una solida impostazione di base è un punto di partenza indispensabile e necessario per insegnare in maniera efficiente l’Acqua Treadmill e permette di differenziarsi rispetto a chi ancora ha un approccio poco professionale, in quanto d’impronta terrestre, a tale attrezzo.

Struttura

Il corso si sviluppa su due giornate: la prima giornata è rivolta ai principianti e a quei centri che hanno appena acquistato il tapis-roulant acquatico e sono alla ricerca delle basi necessarie per lanciare la nuova attività; la seconda è invece rivolta a chi già ha esperienza di insegnamento di Acqua Treadmill e desidera nuovi spunti e soluzioni tecniche diversificate ed efficaci per assicurarsi il consenso degli utenti.

Entrambe le giornate si articolano, al mattino, in una fase teorica, da svolgere in sala o palestra, una fase di analisi e costruzione della lezione, sia per principianti che per esperti, ed una successiva verifica pratica in acqua, dove si analizzano i passi base e le andature. Al pomeriggio, invece, segue una nuova parte teorica che completa la spiegazione delle caratteristiche dell’attrezzo e le sue possibilità di utilizzo, ed una parte pratica in piscina che esplora lezioni tecniche più evolute e suggerisce l’interpretazione di lezioni di gruppo che consentono di aumentare il numero delle presenze in acqua senza modificare il numero di attrezzi. Il metodo presentato viene definito “Waterline”.

Il corso termina con una piccola prova pratica e la consegna della certificazione di istruttore di Acqua Treadmill.